intercettazioni

Rapporto dagli Stati Uniti conferma ipotesi della Telematics Freedom Foundation

Secondo una recente analisi di Matt Blaze, un Rapporto sulle intercettazioni nel 2010 pubblicato a giugno 2011 fornisce una conferma essenziale, da fonti ufficiali, di ipotesi che sono alla base di alcune attività della Telematics Freedom Foundation (TFF).

Il rapporto, definito come "il quadro pubblico più completo delle intercettazioni effettuate negli Stati Uniti dalle forze dell'ordine federali e statali", contiene secondo Blaze due fatti interessanti: l'aver scoraggiato (per impedire ai criminali di comunicare al sicuro dalla Polizia) l'introduzione di elementari tecnologie per la sicurezza nelle reti di telecomunicazione ha significato che computer, telefoni e altri apparecchi sono rimasti alla mercè di attacchi di altri criminali, quelli interessati a usare illegalmente le stesse tecniche di sorveglianza che le autorità intendevano assicurarsi l'esclusiva.

In ogni caso, secondo il rapporto, nonostante previsioni estremamente pessimistiche del contrario, la piena disponibilità di tecniche di criptografia ha avuto ben poco effetto sulle capacità delle forze dell'ordine di effettuare indagini. Anche quando hanno incontrato comunicazioni cifrate, gli agenti hanno prontamente modificato i loro metodi in modo da poter continuare il lavoro investigativo, con risultati confortanti: la larga diffusione della criptografia, invece di porre fine alle intercettazioni telefoniche della Polizia, le ha spinte a diventare più affidabili e verificabili... [oggi] le prove ottenute con intercettazioni telefoniche sono molto più affidabili ed è molto più difficile effettuare intercettazioni illegali.

Questo è esattamente il principio che ispira progetti TFF come User Verifiable Telematics: costruire sistemi che diano a tutti i cittadini le maggiori garanzie possibili che le loro comunicazioni rimarranno private, e che potranno essere intercettati solo da rappresentanti delle Forze dell'Ordine, nei limiti stabiliti dalla legge e in maniera tale da prevenire ogni abuso.